Cantina

Le nostre cantine sono dedicate sia alla stagionatura dei salumi, sia alla conservazione di un vasto assortimento di vini prettamente emiliani, abbiamo infatti sempre creduto nella ricerca delle tipicità delle nostre terre d'origine a cui la nostra cucina emiliana si ispira.

L'Emilia Romagna:
Tra le proposte dei colli piacentini spiccano i vini prodotti con arte e professione dagli amici Nicoletta e Franco della "Tenuta la Torretta" azienda storica piacentina, abbarbicata nel cuore della Val Tidone, vallata che occupa la parte più occidentale della provincia, ai confini con l’Oltrepo Pavese, un territorio a forte vocazione vitivinicola con le colline ammantate di vigneti, piccoli borghi, castelli, mulini dove la qualità regna sovrana. L’azienda ha una superficie vitata di circa 20 ettari,  tale dimensione si adatta perfettamente alle prerogative di gusto e ricerca che garantiscono al prodotto la migliore cura artigianale, conferendo al risultato finale una qualità indiscussa. La produzione di vini è solidamente incasellata nella tradizione piacentina che predilige vini frizzanti sia bianchi che rossi, su tutti l’Ortrugo ed il Gutturnio, ma tuttavia è particolarmente attenta al gusto internazionale producendo ottimi vini fermi, dotati di particolare struttura ed eleganza.
Dai vitigni che caratterizzano la produzione delle province di Parma, Reggio Emilia e Modena provengono invece i numerosi Lambruschi che completano la nostra offerta emiliana.

Uno sguardo oltre l'Emilia:
grazie alla collaborazione con l'amico Fabio della Orodivino, un vero "scout" del patrimonio enologico italiano, abbiamo completato la nostra proposta allargandola ad alcuni vitigni non emiliani. "Oltre ai soliti grandi nomi, esistono, nel panorama Italiano, molte aziende vitivinicole che producono vini di altissima qualità e spessore, ma per il semplice fatto di non attuare grandi strategie di marketing, rimangono, ai più, totalmente sconosciuti. La nostra ricerca è rivolta alla riscoperta e alla valorizzazione di tutti quei vitigni autoctoni che oggi, lentamente stanno riacquisendo un posto di primo piano nella cultura enologica Italiana. Ricercare vitigni autoctoni o rarità enologiche non significa obbligatoriamente porre in secondo piano i grandi vitigni internazionali. Significa esclusivamente sposare, ai vini ed ai vitigni più noti, uve e prodotti egualmente eccezionali che come i primi meritano di essere fatti conoscere e di essere fatti apprezzare per la loro grandezza. Significa avere la volontà, coltivare il desiderio, di trasmettere la conoscenza di queste antiche e nobili uve, segni autentici del nostro straordinario patrimonio enologico".
Questa è la loro Mission che abbiamo voluto sposare introducendo nella nostra cantina alcuni vini non e

 
You are here Home